IL MISTERO DELLA FETTA BISCOTTATA

aprile 14, 2010

Ho un interrogativo esistenziale molto serio da porvi oggi:…ma secondo voi nelle fette biscottate c’è il latte e l’uovo?

Ma andiamo con ordine: da quando ho avuto qualche problemino con la colecisti, il mio solerte dottore mi ha invitato a ridurre il consumo di latte e uova, onde evitare il rischio di avere una nuova colica biliare. Vabbè si, lo ammetto: ultimamente mi sono lasciato un po’ andare con la dieta. A Pasqua, ad esempio, davanti al tortaniello di mammà, non me la sono proprio sentita di mangiare in bianco e idem faccio ogni sabato sera (come voi ben sapete!).

Leggi il seguito di questo post »


Addio uomo talpa!!!hihihihi

aprile 9, 2010

Un ciriciao festoso e patatoso a tutti !!

Ebbene si, questo blog non è morto ma solo assopito dai mille impegni!

Tuttavia gli eventi importanti non possono non essere documentati dalla vita web, per cui, non so che cazzo ho detto ma devo comunicare una cosa che probabilmente molti o quasi tutti già sanno:

Osok13 stamane ha detto addio alla miopiaaaa ...eheheheh l’uomo talpa (secondo solo al patato power ) hihihihi da oggi lascia il club degli specchiati in maniera clinica, artificiale, chirurgica e gli auguriamo irreversibile 🙂  evvivaaaaaa!!!

Colgo l’occasione per fargli un augurio di pronta guarigione   al più presto farà sfoggio del suo sguardo ammaliante e docia cadrà nella sua losca trappola hihihi …  poverellaaaa hahahah

va beh patatini io ora torno allo studio dell’ematologia e vi auguro buon proseguimento di giornata!

vvb!!!


Buon 7 gennaio!!!

gennaio 7, 2010

Ragazzi volevo augurare a tutti voi un buon 7 gennaio!!!

Visto che non abbiamo cagato manco di striscio il Natale ne tantomeno il Capodanno, vi faccio gli auguri per il primo “più brutto” giorno dell’anno (per tutti gli studenti), il 7 gennaio! Quello che sanciva la fine delle fantastiche facanze di Natale e l’orrendo ritorno a scuola! 😦

Un salutone a tutti,

Jack


QUELLO CHE LE DONNE NON DICONO…

dicembre 16, 2009

Così a metà ‘800 scriveva Hildebrandt nel suo libro “Il romanzo del pianoforte”:< Con le ragazze si può solo parlare dell’ultima predica che hanno sentito, del’ultimo brano per pianoforte che hanno studiato oppure dell’ultimo abito che hanno indossato>. 

Schopenhauer, invece, era molto più drastico: <Né per la musica, né per la poesia, né per le arti figurative le donne, in verità, hanno realmente comprensione e sensibilità;(…) le donne sono destinate unicamente alla propagazione del genere umano!>

Leggi il seguito di questo post »


A.A.A. PRETE RICCHIONE CERCASI

dicembre 10, 2009

Fortunatamente volge al termine il 2009, annus horribilis per il mondo!

Tra le sciagure avvenute, possiamo sommariamente ricordare: il terremoto dell’ Aquila, la pandemia della “suina”, le oltre 1100 vittime di Sumatra, lo tsunami nell’Oceano Pacifico, l’incidente ferroviario di Viareggio, la morte misteriosa di Michael Jackson, la scomparsa “prematura” di Mike Buongiorno, la crisi economica, il furto dell’auto di mio cugino, la mia prima colica biliare e tanto altro ancora, purtroppo…

Per ovviare a tutto ciò, ormai non basta più compiere gesti apotropaici (già i greci dicevano trìs kài tèttaris sfairìa labòn, pànta kakà fèugontai, ovvero “se tocchi 3 o 4 volte le tue sfere, tutti i guai fuggono via”…). Per i mali che affliggono l’umanità urge un gesto più taumaturgico ed irenico…Ebbene sì: quello che occorre è proprio ‘A BENEDIZIONE ‘E ‘NU PREVETE RICCHIONE!!!!!

Leggi il seguito di questo post »


Aragosta che Dio sa quel che costa…

settembre 17, 2009

Ho ritrovato uno dei tormentoni preferiti dal nostro caro BeiCapelli

[Se il link funziona bene il filmato dovrebbe partire direttamente dal minuto 1,28. Se non è così andateci direttamente voi 😀 ]

Jack


Bevi la pipì e diventerai un grande medico!

settembre 15, 2009

I medici inetti e la malasanità non esistono solo al giorno d’oggi. Purtroppo i cattivi discepoli di Esculapio ci sono sempre stati, anche in passato. Ho trovato, a tal proposito, la testimonianza preziosa di Domenico Cirillo, medico mandato a morte dai Borboni nel 1799 per aver partecipato al governo della Repubblica Napoletana. Nei suoi Discorsi accademici così definisce i suoi meschini “colleghi”:

“Una truppa d’ insensibili, la gente più vile della Terra, che un tenuissimo guadagno incatena al servizio dei miserabili. Sono avvezzi a disprezzare i lamenti altrui ed a ridere delle lacrime di chi soffre (…) Nelle mani di costoro termina spesso la sua infelice vita il padre di famiglia, che la miseria strappa al seno dei suoi figli, ai quali mancano i mezzi per vederlo nelle loro braccia morire in pace. (…) Credono di perdere tempo se esaminano da vicino la salute dei loro pazienti più poveri. Guidati dall’orgoglio, spinti dall’avarizia, che porta altrove i loro passi, essi calpestano il proprio dovere ed abbandonano al caso la vita di tanti utili cittadini.”

Leggi il seguito di questo post »