A.A.A. PRETE RICCHIONE CERCASI

Fortunatamente volge al termine il 2009, annus horribilis per il mondo!

Tra le sciagure avvenute, possiamo sommariamente ricordare: il terremoto dell’ Aquila, la pandemia della “suina”, le oltre 1100 vittime di Sumatra, lo tsunami nell’Oceano Pacifico, l’incidente ferroviario di Viareggio, la morte misteriosa di Michael Jackson, la scomparsa “prematura” di Mike Buongiorno, la crisi economica, il furto dell’auto di mio cugino, la mia prima colica biliare e tanto altro ancora, purtroppo…

Per ovviare a tutto ciò, ormai non basta più compiere gesti apotropaici (già i greci dicevano trìs kài tèttaris sfairìa labòn, pànta kakà fèugontai, ovvero “se tocchi 3 o 4 volte le tue sfere, tutti i guai fuggono via”…). Per i mali che affliggono l’umanità urge un gesto più taumaturgico ed irenico…Ebbene sì: quello che occorre è proprio ‘A BENEDIZIONE ‘E ‘NU PREVETE RICCHIONE!!!!!

Non conoscendo ancora nessun prelato che abbia simili poteri salvifici, in questo post mi limiterò a tentare di spiegare l’origine di questo enigmatico modo di dire tutto partenopeo.

Va subito precisato che con “ricchione” si allude esclusivamente agli invertiti attivi (tra cui la storia ricorda anche Cesare, Alessandro Magno e Alessandro Cecchi Paone); gli altri, i passivi, sono invece definiti  “femminielli” (tra cui la storia annovera Tiger e Chrono). Per risalire alla genesi della parola in questione, bisogna fare un balzo indietro nel tempo (guardarsi indietro è quanto mai importante in questi casi!)…

All’epoca viceregnale a Napoli sbarcavano di frequente marinai spagnoli provenienti dal Nuovo Mondo che esibivano ai lobi orecchini molto grossi, forse per imitare le usanze degl’Inca. I nostri antenati, nel vederli, si sbellicavano dalle risate, anche perché il peso eccessivo di quei monili faceva allungare oltre misura le dimensioni delle orecchie di quei buffi marinai. Scrive lo studioso Renato De Falco: <Mettendo allora insieme la poco virile adozione di siffatti orecchini (appannaggio più femminile che maschile) con la conseguente super-estensione delle orecchie, e non ignorando le frequenti, fatali tendenze proprie di naviganti costretti a dover rinunziare per (allora) lunghi periodi ai normali rapporti con l’altro sesso, lo scontatissimo risultato era che a quei “tipi” l’appellativo di ricchioni calzasse a pennello…>

Stando così i fatti, vi domenderete: che c’entrano i preti?

I preti c’entrano, perché spesso su quelle navi viaggiavano anche sacerdoti missionari che andavano nel Nuovo Continente per evangelizzare quei popoli che non avevano mai sentito parlare di Cristo.

I preti missionari vennero considerati dai napoletani anch’essi “ricchioni”, perché costretti a viaggiare con i marinai dalle grandi orecchie. In breve “prete ricchione” divenne sinonimo di “missionario”, di prete coraggioso e impavido, capace di navigare per lunghe tratte. Per intenderci, ne I Promessi Sposi Frà Cristoforo potrebbe essere considerato un “prete ricchione”, perché non aveva paura di affrontare i pericoli, mentre Don Abbondio no (“era un vaso di creta tra tanti vasi di ferro” scrive il Manzoni).

Dunque, il ragionamento che i nostri antenati facevano era il seguente: “Se un prete ha tanto coraggio da varcare le Colonne d’Ercole per far conoscere Cristo anche ai “selvaggi”, di sicuro vorrà dire che lo Spirito Santo opererà grandi prodigi in lui e, di conseguenza, anche le sue benedizioni saranno più efficaci di quelle impartite da un prete comune”. Ecco perciò spiegato il motivo per cui la benedizione di un prete ricchione divenne sempre più ricercata e invocata, fino a diventare un modo di dire tutto napoletano.

PS: a onor del vero, secondo alcuni il termine “ricchione” avrebbe un’altra etimologia. Deriverebbe infatti da “recchione”, nome con cui in passato si definiva la lepre, l’animale orecchiuto per eccellenza, che si credeva fosse ermafrodito a causa della enorme lunghezza del clitoride nelle femmine. Scriveva Francesco Redi (1626-1697), scienziato e poeta alla corte dei Medici: <(…) ma nelle femmine (…) si innalza una massiccia clitoride, soda, dura, acuta in punta, e quasi della stessa grossezza del membro genitale de’ maschi (…). Questa così fatta clitoride credo che sia stata la cagione che il volgo de’ cacciatori vadasi ridicolosamente immaginando che le lepri siano tutte ermafrodite, cioè che ognuna di esse sia insieme e maschio e femmina, e nell’opera della generazione abbia abilità per far gli ufficii della femmina e del maschio>.

Insomma, derivi da “marinaio dalle lunghe orecchie” o da “lepre dal lungo clitoride” una cosa è certa: la parola ricchione presuppone che alla base vi sia sempre qualcosa di molto lungo…

BUON 2010!!!! AD MAIORA

 

12 risposte a A.A.A. PRETE RICCHIONE CERCASI

  1. Jack scrive:

    Lei non finisce mai di stupirmi per la sua immensa conoscenza.

    Devo dire che hai finalmente fugato un dubbio che mi perseguitava da tempo!😀

    Posso dire apertamente che sei il valore aggiunto a questo blog!😀

  2. fratellicapone scrive:

    Grazie Jack!Se ti ricordi, fosti proprio tu alla fine di agosto a commissionarmi questa ricerca. Ti rammento la serata: eravamo a casa tua, 5 uomini e una tetta di plastica, e Valentino (tutto sudato) aveva addosso solo i boxer😀
    Poi, in preda ai fumi della pizza e della gazzosa Arnone, tra un rutto e l’altro, intavolammo una interessante conversazione sulla fenomenologia di Kant e sull’analitica esistenziale di Heidegger, se non erro. E’ da serate maskie come queste che nascono le grandi idee che cambiano il mondo!!!🙂🙂🙂

  3. Jack scrive:

    Sono serate da ripetere più e più volte!!!

    Ho un ricordo meraviglioso di quella sera!😀 Raggiungemmo livello di coglionaggine assurdi!

  4. Chrono81 scrive:

    UAHUHAUHA!!!😆
    Ho finalmente la risposta ad una domanda che mi sono posto per tutta la mia vita!🙂
    La ringrazio per l’utile servigio che fornisce alla comunità. Come diceva il buon Nanni Moretti: “LE PAROLE SONO IMPORTANTIIII!!!!”.



  5. Chrono81 scrive:

    Nota 1:
    Le serate maskie nascondono, sotto una velata goliardia costellata di rutti e peti, dei momenti di elevata e nobile cultura.

    Nota 2:
    Weweeeeee Tiger fa n’attim o strascin a chist ca va ricenn ca e ricchiun sò meglio re femminielli, s’adda pruvà tutt cos rint a vit!:mrgreen: 😆

  6. Chrono81 scrive:

    Aggiungo inoltre che testimoni oculari che preferiscono restare nell’anonimato (Jack) affermano che Tiger abbia una clitoride lunga 23 cm
    Tiger confermi le indiscrezioni?

  7. pisola scrive:

    ahahahahahah😆😆😆
    beh chiamrti valore aggiunto è poco!!!
    in effetti ank’io mi sono sempre chiesta il perchè… hai finalmente risolto un grosso enigma ..😀
    cmq vorrei precisare che il mio fidanzato non è femminiello ma un vero maschio latino!!
    @Chrono: amore se tu diventi femminiello io mi metto a piangere, ti lascio e me ne trovo un altro…😦
    @Jack: ank’io voglio esserci alla prox serata ahahah😀
    @fratellicapone: penso che in qualità di Regina di questo regno ti insignerò del titolo di Ministro dell’istruzione patata🙂 se già ce n’era uno è dimesso seduta stante:mrgreen: !

  8. pisola scrive:

    @ Chrono:
    ps.siccome stiamo a natale è il blog ha già saltato l’autunno sarebbe carino mettere il banner natalizio… magari lasciandoci pure la tartarughina😀 grazie amore😀 !!!

  9. Chrono81 scrive:

    @Pisola
    Detto fatto…

    Ma se non lo si può chiamare ‘valore aggiunto’ lo possiamo definire almeno ‘valore negativo sottratto’?
    Tanto ‘meno per meno fa più’…

    PS dopo questa freddura mi assenterò per 10 minuti di ‘scuorno’… :mrgreen:

  10. Smemo scrive:

    ma tu non sei un uomo, sei la reincarnazione della treccani!!!!tutta in un comodo volume rilegato in pelle e di diemensioni contenute…:mrgreen:
    Propongo di fare un video natalizio (la prima serata a casa di qualcuno) con il nostro Alberto Angela con queste succulenti scoperte!!!

    @Chrono
    se prima c’era il dubbio che eri femminiello ora c’è la certezza che hai subaffittato la scatola cranica ad un criceto😆 (però devo ammettere che la freddura è nel mio stile… mi sa che i nostri criceti sono parenti!)

  11. tiger scrive:

    Chi non muore si risente sul blog😆 e devo dire che è davvero un bel risentirsi…tanta conoscenza tutta insieme non c’ero più abituato…ma devo dire che questa sua trattazione da soddisfazione al dubbio riguardante uno dei modi di dire da me più usati…Grazie!
    Cmq dire che non ne conosci di preti ricchioni…iaaa ric a veretàà…ià che eri tu il ragazzo importunato nella puntata delle iene…

    P.S.1:Cmq Bellooooooo comm facev notare la mia collega nuje femmeniell simm meglie re ricchiunnnn…a Natal maniamm pur o panar ra Tumbulell?! vuo metter so suddisfazion!!!

    P.S.2: per la precisezza la mia clitoride è lunga 24,7 cm…esattamente un cm meno del mio naso…ed infatti andare in bagno mi procura lo stesso problema di bere la birra dai bicchieri stretti…m’aggia chia a 180 gradi.

    P.S.3: caro Chrono se – X – fa +, + me lo – + vengo – x non venir + – non me lo – + o X lo – me lo – di – quanto fa?

    P.S.4:Per serate maschie di ogni sorta casuzza mia è a dispositezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 12 mesi su 12, 1 anno su 1 anno, 1 lustro su 1 lustro, etc etc…indi organizzat…

    P.S.5:Mass e Kiavec!

  12. fratellicapone scrive:

    Si cmq ero io il ragazzo del filmato delle Iene xò ora ci ho preso gusto: vado a trovarlo un giorno sì e l’altro pure🙂
    Le serate maskie anche a me mancano tanto e la mia zizza di plastica freme dalla voglia di essere maniata da voi tutti!!! Alberto Angela mi ha detto che verrà volentieri x commentare le usanze e i riti della tribù patata😀
    Tiger prepara il tuo lungo clitoride che la prossima volta giochiamo al lancio delle ciambelle: chi riesce ad inanellarne di più vince un’esplorazione rettale senza vasellina (ops, ora penso di essermi giocato il titolo di Ministro dell’istruzione patata!)
    Slurp

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: